Archivio Mese: Dicembre 2020

In questa pagina sono presenti tutte le notizie del Mese: Dicembre 2020

La Scartaza (fine 2020)

giovedì 31 Dicembre 2020 19:37:13

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, ma ti ga visto roba! Anche el teremoto adesso! E che teremoto! Povera zente de le zita de Petrinja, Sisak, Glina e Zagabria, me se strisi el cor!
RIRI: Poveri! Ma cossa ne deve capitar ancora sto ano tondo e disgrazià! Vara, conto le ore spetando che el passi e festegerò co’ una botiglia de spumante co’ el sarà passado, e al 2021 zercherò de farghe paura subito. E ghe dirò: ‘Metemo subito le robe in ciaro: o ti righi drito, o te scancelo de el calendario e passo subito al 2022!’

FIFI: Proprio cussì! Sotoscrivo. Adesso però, xe de pensar de aiutar quanto che se pol sta povera zente. El Sandi Basić membro della Croce Rossa della Region Litornaneo Montana e volontario dell’Associazion LA ZENTE PER LA ZENTE (Ljudi Za ljude) el ne xe subito partido per Petrinja co’ la Croce Rossa, come che i ga dà el alarme, per andar ‘iutar la popolazion e anche altri ghe vegnirà drio. Ma che fadiga ‘sti ultimi giorni de el ano! Che rompimento de ale, che sbatimento de beco!
RIRI: Le teste de aquila insempiade come ti no’ le capissi che se pol imparar qualcossa anche da i momenti tristi.

FIFI: (Subito la se impiza, come el fogo). Cossa mi no’ capisso! Ti no’ ti capissi!
RIRI: (Anche ela la se impiza e la taca zigar.) Mi no’ capisso?

FIFI: Sì, ti! Te se vedi che ti xe una complessada, perché quela volta, i te ga taià la testa prima a ti, e a mi solo ani dopo, e ti xe gelosa!
RIRI: (Sempre più imbufalida, o meio, inaquilida). Mi gelosa? Ti ti xe una papamola e le papamole no’ le xe capaci de coabitar in solo corpo!

FIFI: Ti ti xe una smafera!
RIRI: Ti no’ ti ga creanza!

FIFI: Ti no’ ti capissi gnente de gnente e… (la fa un soriseto, come per dir: ‘no’ so se se gavemo capido’) …ti xe una mocolosa!
RIRI: Mocolosa a mi? (Adesso veramente la ga visto nero, quasi quasi, de nervoso, non la xe gnanche più dura de ‘recia).

FIFI: Ja, ti! Slimigosa!
RIRI: Vara che mi de mocoli no’ ghe ne go! Me sufio sempre el beco co’ el mocador!

FIFI: Se ti lo disi ti…Alora, visto che semo sempre mi e ti, ti e mi, due teste su un corpo de aquila, vedemo un poco de colaborar. Ti ne dovessi rapresentrar a una riunion la sora, a la Union de le Aquila a Due Teste Girae de Una Sola Parte, la famosa Union ADTGUSP.
RIRI: (Ciapada come in contropiuma, un poco la tituba). No’ posso, no’ so, no’ son preparada su el argomento…no’ conosso gnente de la Union ADTGUSP.

FIFI: Bon, alora a la riunion manderò el cucal…
RIRI: El cucal no!

FIFI: El cucal sì!
RIRI: Ma xe una altra specie de usel!

FIFI: El ga le ali?
RIRI: Sì.

FIFI: Co’ el se fa sentir, el ziga?
RIRI: Sì.

FIFI: El fa cache e pissin insieme?
RIRI: Sì.

FIFI: E alora, xe la stessa roba. El ne rapresentarà lui.
RIRI: Fa come che ti vol. Mi per el momento me contento de far afari e comprar altre robe che svola.

FIFI: Per esempio?
RIRI: Un bich de aroplani de guera, cussì, per mandarli a ocolize su e zo per el ziel de la Croazia e de la Union ADTGUSP, se me salta in testa, cussì… Xe bel comprar aroplani de tanto in tanto! Tuti che sta a la testa de un qualcossa, meti de un corpo de aquila o de un Paese, tipo un presidente, ghe piase comprar, de tanto in tanto, anche aroplani.

FIFI: Aroplani ti disi?
RIRI: E de quei boni! Fati riposar per ani in boti de rovere. Ne farà far zerti svoli per el ziel de la Croazia e ne scalderà i budei co’ farà fredo!

FIFI: ???
RIRI: (Trionfante) Trape!

FIFI: Trape? O Grape?
RIRI: Ja, Grapa, cussi se ciama…na bona roba de marca svedese!”

FIFI: Ma Gripen!
RIRI: Ma che Gripen, che de gripe e covid19 ghe ne gavemo tuti le bale piene!

FIFI: In soma de le some: ti volessi comprar aroplani de seconda man? Secon hand avion? Francesi e israeliani, come che fa el nostro presidente?
RIRI: E perché lui sì e mi no?

FIFI: Perché lui xe presidente.
RIRI: E dunque un capo. Anche mi son un capo. E che el tachi comportarse lui de capo del Paese, che mi sarò ben felice de comportarme come che se dovessi comportar un capo, una testa de una aquila, e far el mio lavor stando qua, impirada in zima a la Tore de Fiume.

FIFI: Riri mia, mi me sa che tute e due semo stade infetade de una malatia che ghe xe ciapada in ‘sti ultimi tempi a certi capi de Paesi, anche stranieri, anche in altri continenti, e se stemo sbarufando a sproposito e come mai ne la nostra vita. Ma no’ dovessimo esser imuni a ‘ste malatie?
RIRI: Anche i presidenti del Governo e de un Stato dovessi esser imuni a certe influenze de stagion e far meno de sbarufrase e i dovessi dar el bon esempio a zitadini, no’ te par?

FIFI: Ma ga fato piacer vederli adesso che i xe andadi insieme trovar i teremotati e ga lassado star le monade.
RIRI: La zente xe contenta de saver che i colabora per el ben del popolo.

FIFI: Perché le monade le podemo contar mi e ti che semo due pajaze, ma i politici xe bel che i sapi darghe a la zente un senso de sicureza, specie co’ ghe trema la tera soto i piedi e no’ ti sa più indove che girarse.
RIRI: Coss’ ti vol far, ‘sto ano la xe andada cussì. Lassemo star. El 2020 el sta finendo e co’ el finirà, che el se porti via barufe inutili e altre robe poco utili e dirio invece ‘ssai danose. Stemo un poco cuzi tuti, ‘iutemose tuti quanti, spetemo che passi e i Covidi e i No’ Covidi, e staremo veder come che andarà co’ ‘sti vacini che xe rivadi, e i No vaxi che i speti e che i se “vaxini” co’ i volarà e co’ ghe sarà passà la paura che i ghe sfichi drento el corpo un CIP. Tanto, più controladi de cussì, fioi mii, fra telefonini, sateliti e tuto…

FIFI: Speremo che ‘sti ultimi giorni del 2020 i sparissi e che i se porti via i malani, le pestilenze nove e le credulità vece come el mondo.
RIRU: quele dei bacuchi insempiadi da la età e quele de i Milleniers insempiadi da la tropa tecnologia.

FIFI: Che ‘sto 2020 el se porti via teremoti e i asteroidi de pasagio, le falsità, le cativerie e le inimicizie, che a la Comunità Italiana ghe vegni un poco più de voia de star insieme e no’ divisi e barufadi.
RIRI: Che ‘sto ano vecio se porti via la malapolitica e la malaeconomia, la malasalute e la malasorte.

FIFI: Ti vol che te facio el oroscopo per el 2021?
RIRI: Ma va in mona!

FIFI: Ti vol che te facio portar un poco de vin brulè dal Filip Jakovac?
RIRI:???

FIFI: Xe quel bravo putel de Cosala che va in giro per el mondo co’ la Jugo, anche in Mongolia er iera co’ la Jugo! Se el sa che ti ga voia de un poco de vin brulé, el xe capace de filar, in un batibalen, zo per le scale de Cosala. Basta che ghe facio un fis’cio!
RIRI: Ti disi che no’ el devi star sempre su a Cosala a farghe la guardia al suo Spelacchio?

FIFI: ???
RIRI: El albero de Nadal che sta davanti a la vecia stazion radiofonica, davanti a Comunità locale de Cosala!

FIFI: Go sentì parlar de ‘sto Sperlacchio, i diseva che el iera cussì bruto e disgrazià, che el pareva come quel bruto anatrocolo de la Fiaba de Andersen.
RIRI: Ma sentir ‘sta storia de quanto che el iera bruto e disgrazià, al povero Spelacchio cosalan, ghe xe vegnù in socorso certe done del rion, Marina e Sanja e Ana. Vara, le me pareva le Tre Marie. Le se ga impietosì e le ghe xe vegnude in aiuto a Filip e Kristian, che i sarà bravi a riparar i motori de le vece Jugo, per carità, ma poco pratichi de adobi de alberi. E le se ga dà de far e le ga messo el albero in cicara, tuto adobà e pien de lustrini.

FIFI: Insoma, ‘na picia storia de Nadal, cocola, cocola, minima, minima, ma che fa piacer scoltar.
RIRI: Morale de la favola: anche un picio aiuto, anche un picio gesto, pol servir a farne a tuti la vita più bela.

FIFI: E mi per ‘sto ano la finirio qua, e fario un fis’cio.

La FIFI la fis’cia e, ecote! Trotando zo per le scale de Cosala, te ariva el Filip Jakovac, con tre biceri de carta pieni de vin brulè fumante, pronto per scaldarghe un poco el cor a le nostre due teste de l’aquila e per brindar con lore e farse vegnir i pomei rossi del vin.
E dopo gaver brindà, spudà tre volte per tera contro le disgrazie, dopo gaverse butà tre volte el sal drio le spale e dopo che el Filip Jakovac se ga ravanà, per prudenza e con una punta de lungimiranza, certe parti intime de el corpo, i tacà tuti e tre cantar una canzon. E el ritornel el faceva cussì:
Noi torneremo balar
Noi torneremo cantar
Noi torneremo cantar
Mi e ti, mi e ti, vicini!
Noi torneremo, mio amor
Noi torneremo cantar
Noi torneremo, mio amor
Mi e ti!
Jeeesuuus i Maaariiiaaaa!

D’Annunzio e Fiume

martedì 22 Dicembre 2020 18:28:29

Videoconferenza a cent' anni dall' impresa: un laboratorio di idee ed utopie.

registrazione https://www.youtube.com/watch?v=GR9sE6uqVo4

La Scartaza

lunedì 21 Dicembre 2020 18:00:26

Notizie fresche e sicure: el virus de Bill Gates xe passà dal computer al pangolino e dal porco-prasac, al omo…

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, che remitur! Bon che el ano scorso ti ghe gavevi fato a tuti i auguri per un felice 2020! E pandemia e crisi economica e social e disgrazie…Saria meio che mi e ti la smetessimo de pensar al futuro e guardassimo un po’ indrio, che provassimo viver de ricordi, coss’ ti disi?
RIRI: Digo lassime star! E te prego, ghe no’ ti zucassi fora de la naftalina zerte date storiche, né centenari de el Stato Libero di Fiume, né Nadai de Sangue, né teste de l’aquila taiade…ne Zanella, né D’Annunzio, né Trattati de Rapallo, né Riccardi Gigante, né Pietri Micheletti né …gnente de gnente!

FIFI: Cossa, no’ te ga piasso le celebrazioni? E el convegno organizado da la Associazion Stato Libero di Fiume sui 100 ani del SLF. Cossa no’ te ga piasso el fato che certi temi che fino a poco tempo fa qua in Zità de Fiume i era tabù, i par esser stadi, per fortuna, sdoganai?
RIRI: Sì Stato Libero de Fiume, SLF, ma fame el piacer, che se ti lo giri come anagrama e ti ghe cambi una letera el te diventa LSD, che me par molto più utile de ‘sti tempi! Fario meio a far finta de esser tornada indio ai tempi de Woodstock e farme vegnir le travegole. Me podessi ficar in zuca de esser una de quele aquile che pol volar per vero… Te go deto lassime star che no’ go voia de gnente!

FIFI: Te facio l’oroscopo?
RIRI: Va in mona!

FIFI: Te facio portar su un cafè che ti te tiri un poco su el moral?
RIRI: No’ che i bar xe ciusi!

FIFI: McDodald’s xe aperto. Ghe xe la gente che speta in fila per ciorse capucini e patatine.
RIRI: E cossa, mentre che i mantien el distanziamento social tuti streti streti in fila sul Corso, dopo i tocia le patate frite in ‘tel capucino?

FIFI: E sarà abitudini americane, cossa te devo dir! Importemo civilizazion e abitudini da el Ocidente a biondo Dio, e sarà el caso che se abituemo a le patate frite tociade in ‘tel café, con la zonta de un poco de salsa ketchup al posto de la schiuma.
RIRI: No’ grazie. El café del Mc Donald’s no’ lo voio, anche per solidarietà con i proprietari dei vari caffè e ristoranti che in ‘sto tempo de pandemia i devi restar ciusi. Perché anche lori no’ i podessi restar aperti e far caffè de servir cussì, de fora, sul bancon? Perché Mc Donald’s sì e i altri no?

FIFI: Vero, perché Mc Donald’s sì e i altri no? Ma in ‘sto momento in cui tanti sta mal, in cui mori tanta povera zente, veci e giovani, ti sa che se dovessi evitar in tuti i modi che la zente fazi gheto, anzi, son sicura che se el Governo croato gavessi reagì co’ iera de reagir e no’ el gavessi messo davanti prima le elezioni politiche e dopo le colone per el aniversario de Vukovar, e no’ l gavessi portado avanti quela politica che in croato se ciama “’ko živ, ‘ko mrtav”…
RIRI:…deta anche “jebe se meni” basta che zuco da la mia un certo tipo de eletori…
adesso no’ se troveriimo in ‘sta situazion de merda.

FIFI: Ala su, i ne acusa sempre che semo volgari e sbocade e ghe stemo dando ragion. Moderemo un poco i toni. Te lo go deto de bon principio: perché no’ se podessi parlar solo che de ricordi e lassar star ‘sto momento cussì scuro? Ti vol che se contemo qualche bela storia de una volta?
RIRI: Ti te ricordi quei bei tempi de la influenza spagnola, co’ i cascava partera come le mosche?

FIFI: Anche quela volta ghe iera politici che i faceva finta de gnente, perché i giovani doveva continuar a combater in ‘te le trincee (che la I guera mondial se doveva portar avanti, ghe era de mandar avanti la economia ecc.ecc.),
RIRI: Anche quela volta iera chi che no’ ghe credeva, che i diseva che ‘sta malatia non esiste…uguale come che dise ‘sti sturli che giorni fa i ga fato una specie de corteo de carneval e che i xe vegnudi qua soto in Corso a protestar contro el uso de le maschere e del distanziamento social…perché ‘sta roba ghe cava la libertà…

FIFI: Meio gaver la libertà de infetar chi che te par…no xe vero?
RIRI: …Lori i dise che ghe lo ga deto certi tipi che parla per ore davanti a una telecamerina e dopo i meti el filmato su You Tube, e ‘sti tipi ghe gavessi deto che la pandemia xe tuta una invenzion de i Illuminati…

FIFI: …perché i virus no’ i esisti, perché i xe una invenzion de i poteri forti…
RIRI: …perché se li ga inventà Bill Gates!

FIFI: I virus? Ma chi quel de i computer?
RIRI: Anzi, i sostien che xe tuta colpa de i virus de i computer che tut’in t’un i pol dar vita a una mutazion e infetar i pangolini, i pipistrei, i porchi, e de conseguenza, dal porco -prasac, passar ai omini. E el virus se lo ga inventà Bill Gates de sana pianta.

FIFI: ‘Sti virus del computer dopo i xe sbrissa su la Terra piata – perché oltre a esser piata, ‘sta Tera xe cussì lissa, che ghe se sbrissa come che sbrissavo mi su i parcheti de mia nona co’ la ghe passava sora la cera…
RIRI: E alora ‘sti virus de Bill Gates, mentre che i scivola per andarse sficar in qualche computer, i te incontra lungo el retilineo un Illuminato e i ghe dise: “Wee! Te go scoperto, so che ti comploti a le mie spale…”
LAURA: Scuseme, mi a ‘sto punto Fifi e Riri le go smesse de scoltar. Go la testa come un balon, lore ghe ne ga due, ma le ghe se ‘sta impinendo de rafia, me par. Ti vol o no’ ti vol, calumade là su la Tore, ghe capita de scoltar de tuto e de più, de tute le teorie che pol sbarar ogni d’un che ghe vien in testa una idea, che in vece de rigirarsela su la lingua, ingiutirla e dopo farghe un bel ruto sora, i ne le propina tramite megafono, facebook e social vari…e po’ ghe xe un fato, che ogi più uno sa poco, e più el insisti che el ga ragion lui e el crede de saver tuto. La Lucarelli la gaveva comentato e me gaveva ‘ssai piasso: “L’arroganza dell’ignoranza”. Ja: in ‘sti tempi de confusion, de depression, de mancanza de solidarietà e spesso de logica, sembraria che la zente, invence che sostegnirse a vicenda, i se diverti a passar el tempo a sostegnir teorie varie: uno le sbara e docentomila le sostien! Ma cussì, lontan da i esperimenti, dal pensiero empirico, i ga desmentigà, perché no’ i la ga mai veramente gnanche impardo, cossa che xe la discussion, cossa che vol dir scoltar le opinioni altrui e acetar che i altri te possi confutar le tue idee e dimostrarte che ti sta parlando monade. E no’ per questo el devi esser per forza tuo nemico e amico de i “poteri forti”.
Son un poco stufa de come che sta andando avanti ‘sto mondo, de come che el se ga messo a girar (anzi, no’ so più a ‘sto punto, se el gira o se el sta fermo, se el ga un proprio asse o el sta incugnado soto a una cupola fata de una qualche sostanza aerea). Bon, no’ so, ma per provar che son aperta de spirito e a la discussion, adesso vado far la fila davanti al Mc Donald’s per ciorme anche mi un capucino con le patatine frite, per poterghele tociar drento, magari zontandoghe sora un sbaffo de salsa ketchup.

FIFI & RIRI: (Che le faceva finta de tambascar per conto proprio e invece le scoltava): Jesus i Maria

Auguri del presidente

lunedì 14 Dicembre 2020 17:42:08

Siano Feste “fiumane”

A tutti i Fiumani Buone Feste! Lo spirito c’è, con la volontà di inviare un abbraccio che raggiunga tutti voi. Certo non possiamo prescindere dalla gravità del momento che ci predispone ad una inevitabile tristezza: ecco perché vogliamo proiettarci verso il futuro, per attingere dai nostri progetti l’energia necessaria a trasformare anche questo difficile momento in un’occasione per crescere.

In questi giorni arriveranno nelle vostre case il nostro giornale La Voce di Fiume con, in allegato, il calendario 2021. S’intitola “Gente di Fiume” visto che attinge immagini e racconti di vita dalla storia delle nostre famiglie. Sfogliando le pagine troverete notizie e ricordi di Fiume, ma anche episodi dell’esodo della nostra gente: ragionando sulle storie di ognuno di noi, usciranno dai cassetti fogli, fotografie, documenti vari, sensazioni, profumi…è un auspicio! Fate che il vostro Natale sia di riflessione, ripercorrete gli episodi più o meno felici della vostra esistenza, con spirito lieve e con il desiderio di accarezzare quelle immagini, per portare oggi quel confronto che forse allora avreste voluto trovare. Non possiamo conoscere il nostro futuro ma possiamo consolare il nostro passato. Raccontiamolo alla famiglia, anche tramite telefono o i social, per trasformare un Natale diverso in una festa profondamente nostra. E nel 2021 facciamo che questa ricchezza di esperienze diverse diventi patrimonio di tutti attraverso la vostra testimonianza inviata al giornale. Chiudiamo in bellezza questo cerchio. Il prossimo Natale faremo un bilancio. E’ un compito per l’anno che arriva, che non sarà facile ma che potrebbe essere più nostro, fiumano più che mai.

Alle vostre famiglie un augurio di serenità. A tutti voi un forte abbraccio.

Franco Papetti

Oresgnaza

sabato 12 Dicembre 2020 12:38:11

Per prima roba bisogna aver PAZIENZA E NISUNA PREMURA.

Dose per due rodoli :

Il Ripieno :

MEZZO KILO DI NOCI SGUSCIATE (da un Kilo di noci col guscio vengono fuori 250 grammi di gherigli ) si macinano per bene in modo che ne venga una specie di grossa farina, s’impastano in una terrina con DUE BICCHIERI DI LATTE ben caldo, UN BICCHIERE E MEZZO DI ZUCCHERO e MEZZO BICCHIERE DI RHUM.

Si mescola bene e si lasci riposare – senza che nisun ghe toci el dito per gustarlo come el xe bon –

La Pasta :

UN KILO DI FARINA, 5 – 6 TUORLI D’UOVO E DUE ALBUMI, ¼ DI ZUCCHERO, 50 GRAMMI DI LIEVITO, SALE, ½ BICCHIERE DI LATTE TIEPIDO, ¼ DI BURRO che prima si fa fondere e poi va aggiunto TIEPIDO, ½ BICCHIERE DI RHUM.

Se la pasta non è morbida si può aggiungere ancora altro LATTE TIEPIDO.

La pasta deve risultare liscia e morbida.

Lavorare tutto su di una tavola di legno, senza premura per almeno venti minuti, spolverare con un po’ di farina , fino a quando la pasta diventa vellutata e non sia attaccaticcia alla mani e alla tavola.

Lasciare riposare la pasta sull’asse di legno dandole una forma di cupola, coprirla con una conca di plastica in ambiente tiepido per un’oretta.

Poi si lavora ancora la pasta, a intervalli, per due volte, quando ha raddoppiato il suo  volume.

Dopo l’ultima lavorazione si fanno due parti uguali, una si mette sotto la conca e l’altra si spiana col mattarello, dandole una forma rettangolare, che si può spolverare con un po’ di farina, ALTA UN CENTIMETRO.

Quando la sfoglia è pronta, si cosparge sotto con un po’ di farina perché non resti attaccata alla tavola, poi si ricopre con un largo canovaccio e, tenendo assieme pasta e canovaccio, dalla parte superiore si rovescia in modo che il canovaccio resti di sotto.

A questo punto si prende l’impasto di noci, (se qualche mulo non la ga magnà intanto che la mama la gaveva i oci altrove) e si spalma con un cucchiaio in uno strato uniforme, si cosparge di UVETTA  che era stata in precedenza lavata con acua tiepida e messa a bagno nel Rhum,insieme ai PINOLI, senza caricare troppo.

Si può aggiungere scorza grattugiata di LIMONE  e ARANCIA,

Si cosparge tutto con fiocchetti di BURRO e si spolvera ancora ancora con un po’ di ZUCCHERO.

Una forma è già stata preparata col fondo ricoperto da un foglio di CARTA DA FORNO.

Delicatamente si prendono i lembi inferiori del canovaccio, si sollevano lentamente e la sfoglia che sta di sopra, col suo ripieno si arrotola da sola.

Si chiudono le estremità, infilando le mani sotto il rotolo, lo si ripone nella forma.

Poi si passa alla seconda metà della pasta, la si lavora un po’, spolverandola di farina e si procede come con la prima.

TUTTO IL LAVORO SI DEVE SVOLGERE IN AMBIENTE TIEPIDO.

Confezionati i due rotoli, si pongono ancora a LIEVITARE PER UN’ORA, COPERTI CON UN FOGLIO DI PLASTICA e sopra una copertina, così la pasta non si asciuga.

DOPO UN’ORA  si scopre il dolce e con un PENNELLO, si unge ben bene intingendolo in una scodella dove avete messo UN UOVO sbattendo assieme albume e tuorlo.

CON UNA FORCHETTA si fanno 3 file di buchi profondi un paio di centimetri sulla pasta, perché cuocendo non si sollevi troppo e si spacchi di lato, NON FAREBBE BELLA FIGURA E NON SAREB BE ARROSTITO A DOVERE.

Il forno deve essere preriscaldato a 150 GRADI.

La cottura dura circa 40 minuti, GLI ULTIMI 10 MINUTI si mette il forno a 170 GRADI.

Il dolce non deve essere pallido, DE VE AVERE UN BEL COLORE BRUNITO …….SENZA ESSERE BRUCIATO !!

Si estrae dal forno e si lascia nella sua forma per MEZZ’ORA, poi si rovescia sull’asse e SI LASCIA CAPOVOLTO FINO A QUANDO SI RAFFREDDA DEL TUTTO, COPERTO DA UN CANOVACCIO.

Adeso la poderia anca andar a dormir se la saria sicura  che quando la se sveja la Orehnjaza la xe ancora intiera.

Alora la ribalta el dolce per el verso giusto e lo gustarè tuti isieme felici e contenti e “Brava la Coga “

A noi ne piaxe gustarla col vin bianco.

30 settembre 2008-    

AUTRICE

 Daniza Glazar Tardivelli

NOTA

Oresgnaza  dal Croato ORAHNJACA deriva da ORAH =  nose/noce

FederEsuli ed Unione Italiana stabiliscono una collaborazione organica

mercoledì 09 Dicembre 2020 19:01:55

Trieste, 8 dicembre 2020

I vertici dell’associazionismo della diaspora adriatica hanno incontrato in teleconferenza i massimi rappresentanti della Comunità Nazionale Italiana autoctona della Croazia e della Slovenia sabato 5 dicembre 2020.

All’incontro hanno partecipato il Presidente della Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati, Giuseppe de Vergottini, Franco Papetti (Presidente dell’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo – Libero Comune di Fiume in Esilio),
Renzo Codarin (Presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia), Tito Lucilio Sidari (Presidente dell’Associazione Italiani di Pola e dell’Istria – Libero Comune di Pola in Esilio), David Di Paoli Paulovich (Presidente dell’Associazione delle Comunità Istriane) e Giorgio Varisco (in rappresentanza dell’Associazione Dalmati Italiani nel Mondo – Libero Comune di Zara in Esilio), il Presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul ed il Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Marin Corva.

Nel corso della riunione sono stati esaminati tutti i campi della possibile e necessaria stretta sinergia fra le due componenti dell’italianità adriatica, con l’obiettivo, pandemia permettendo, di procedere quanto prima alla firma congiunta di un accordo di collaborazione che renda organici i rapporti tra FederEsuli ed Unione Italiana.
Primo passo di questo percorso condiviso sarà la celebrazione congiunta del Giorno del Ricordo 2021: data e luogo verranno fissati nelle prossime settimane anche in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica in Italia, Slovenia e Croazia.

L’implementazione dell’accordo Dini-Granić sulle Minoranze del 1996 sarà una delle prime istanze da affrontare, affinché il bilinguismo nelle località di storica presenza italiana trovi piena attuazione in tutte le sfere, dai diritti linguistici, al mondo scolastico.

Partendo dall’incontro dei Presidenti italiano, Sergio Mattarella, e sloveno, Borut Pahor, a Trieste lo scorso 1 3 luglio e dalle recenti aperture sul tema dell’esodo da parte del Presidente croato, Zoran Milanović, si è deciso di trovare le forme migliori per portare un doveroso riconoscimento ufficiale ed istituzionale ai tanti luoghi di sepoltura, foibe e fosse comuni, ove furono trucidati tantissimi italiani allo scopo di indebolire la presenza nazionale maggioritaria autoctona in quelle terre e spingerla all’esodo. Dovrà essere, inoltre, intensificata la salvaguardia dei cimiteri che ospitano tombe italiane, principalmente da parte delle autorità croate e slovene, attività che richiederà una sempre più stretta collaborazione con le comunità locali.

Allo scopo di portare avanti gli impegni presi ed avviare un sempre più solido coordinamento, è stato, infine, stabilito di fissare incontri mensili periodici e di costituire un gruppo permanente di lavoro comune formato da tre esponenti della FederEsuli e da altrettanti dell’Unione Italiana.