Archivio Archivi: Tradizioni

In questa pagina sono presenti tutte le notizie del Archivi: Tradizioni

Bonanote Fiume

venerdì 06 Maggio 2022 11:51:05

Scarica

Titolo:

BONANOTE FIUME poesia di Giulio Scala

letta da B. Nacinovich (3:20)

Testo:

Me son insognado che son tornado
a passeggiare per le rive
Mi solo
Vardando - lontàn - le luci dei
pescadóri
Brilàr come stèle

I cocai i dormi sui còpi dei magasini.

Sul cantón de Braida,
In Viàl
Intorno ai ferài,sofigadi nel verde
Gira la ronda
dei pipistrèi.

Sera de estate.

Tiepida la xe l'aria, la ga odòr de mar
E de scombri rostidi sul carbòn
Dai ciosòti, cuciadi
Sul ponte del bragòzo.

Su'l bragozo vizin
la fiàma del carburo,la ilùmina le fete
de anguria
Colòr del sangue.

Un altro el ga già molà le zime
E - col motòr che el tosìsi soto voze -
El passa piàn piàn su l'acqua nera
Davanti del Molo Scovazze .

Abazia la sintìla de mile luci
Chè le trèma.

Drio del Mololungo un rimorciadòr
El ne mostra el rosso :
El va verso Porto Baross.

Una bava de ventisèl la me fa grìzoli
Sul brazo...

Xe ora de andar a casa.
Verso Bonaroti,
Suso per le strade e scalete
Indormenzàde.-

Davanti de una ostarìa
Col rolò metà serado
E con dò tavolini-in scuro-sul marciapìe
Se vedi el puntìn rosso
De un spagnolèto impizado.

Un gato bianco cole macie nere
El traversa cùcio cùcio la strada
In pùnta de pìe.

Bonanòte Fiume.

 

Arrangiamenti, basi e registrazione – Bruno Nacinovich

Io So

venerdì 06 Maggio 2022 11:47:31

Scarica

Titolo:

IO SO poesia di Osvaldo Ramous

letta da E. Nacinovich (2:15)

Testo:

Amico, io so che in un futuro

forse assai breve

tutto di me andrà acatafascio,

e di quanto ho scritto e ora scrivo

non si conoscerà nemmeno una virgola.

Eppure

io mi riattacco al gioco tormentoso

con sragionante insistenza.

Edifico nella mia mente

case, bastioni, dighe, mausolei,

architetture bizzarre;

sto ogni giorno tracciando

con le dita vibratili della fantasia

nuove costellazioni,

dialogo con persone

il cui nome non è registrato

in nessun libro d'anagrafe.

Poiché, in fondo, io credo

che le nostre parole, i sogni, gli atti

si scioglieranno nel nulla,

ma che ci sarà infine qualcosa,

forse un vento partito

da un grumo di stelle

annidato tra i vertici dell'inconoscibile,

che di tutti i minuzzoli di pietre

inconsistenti

disgregatisi dalle nostre rovine

rifarà altre combinazioni

assai più complesse di quelle

immaginate da noi,

e che in qualche luogo una parte

di ciò che è stato già nostro

pur sopravviverà.

Fratelanza

venerdì 06 Maggio 2022 11:13:03

Scarica

Titolo:

FRATELANZA di E. Nacinovich – B. Nacinovich

Interprete: Valter Milavec e Alba Nacinovich (4:09)

Testo:

Bora, Bora! Ciudi tuto!

Sbate al vento una finestra,

ciudi subito anche quela

lassa aperto solo el cuor.

 

Daghe un baso a quel tuo picio

che ga  ’pena spanto el late

e tremando de paura

già se speta un matafun.

 

Fratelanza, come un refolo d’amor

fratelanza, scancela ogni rancor!

sufia forte come bora

che co passa neta tuto 

e po’ lassa un ciel stupendo

come specio calmo el mar.

 

Al vizin che seca i bisi

“Va remenghis!” ti ghe disi

ma schizandoghe de ocio

e slongandoghe un bicer.

 

Co se vive in armonia

tuto el mondo par più bel

ogni canto par più dolce

ogni omo un tuo fradel.

 

Fratelanza, concerto de armonie

fratelanza, nele case e nele vie

sufia fresca come bora

che co passa missia tuto

ma po’ lassa un ciel de luce

come specio lisso el mar.

 

Tuti core ga premura

no ga tempo de guardar

sta cità che meraviglia

sti palazi che splendor.

 

L’orologio dela tore

indorado xe dal sol

i gerani sui balconi

te imbriaga de color.

Fratelanza, come un refolo d’amor

fratelanza scancela ogni rancor

sufia forte come bora

che co passa neta tuto 

e po’ lassa un ciel stupendo

come specio calmo el mar.

 

Fratelanza, concerto de armonie

fratelanza, nele case e nele vie

sufia fresca come bora

che co passa missia tuto

ma po’ lassa un ciel de luce

come specio lisso el mar.

La mia Zità

venerdì 06 Maggio 2022 11:09:50

Scarica

Titolo:

LA MIA ZITA’ di E. Milinovich – B. Nacinovich

Interprete: Bruno Nacinovich (3:30)

Testo:

Non xe vilegiatura

che ne riciama fora;

co xe la gran calura,

co fis’cia forte bora.

 

Noi semo temperadi

al clima del Quarnero:

con trenta e con più gradi,

con dieci soto zero.

 

Amemo assai sta tera

Sto mar imenso, blù,

con anima sinziera,

col cor… E sempre più!

 

A l’alba drio Tersato

se impiza un gran ciaror,

che sveja el primo ato

de un giorno de splendor!

 

Te cambia el panorama

de indove che ti vol:

tramonti rosso fiama …

a drio el viagiar del sol.

 

De note el mar che brila

te fa veder davanti:

nel ziel te se profila

due monti galegianti …

 

Xe Cherso e Bodolia

che forma i gran bastioni,

che indrento e foravia

i apre i tre portoni …

 

Geologo xe un mago

che a noi ne ga donado

el specio de un bel lago

de alture contornado.

 

Più in alto, là, a ponente

potente protetor,

su  ’n sfondo incandescente

xe el bel Monte Magior.

O Fiume mia dileta!

Mia cuna senza stema,

xe limpido el tuo emblema:

corente acqua s’ceta. 

La mia Perla

venerdì 06 Maggio 2022 11:05:39

Scarica

Titolo:

LA MIA PERLA di Dodeca - Carl

Interprete: Valter Milavec (3:32)

Testo:

Mi proprio per sta perla
Ve digo, vado matto,
la festa per vederla
me tiro su a Tersato.
Se sente le campane
Del Domo e del San Vito,
in fondo al mar lontane
do barche fila drito...

Xe un quadro, un panorama
El monte, el ciel, el mar.
Dizeme, chi no l'ama
sta tera e sto Quarnar.
Xe un quadro,
ze un incanto
Veder el mar, el pian.
E cola tosa intanto
cantemo in italian.

Cantemo quei bei canti
Che i veci n'à insegnà,
che avemo in cor costanti
che i fioi ne cantarà.
Mi adoro questa Perla
Bagnada dal Quarner,
la festa, per vederla
me tiro al Belveder,

e de lassù la vardo
con ocio inamorà:
Quel ciel no xe bugiardo,
nessun lo cambierà.
Co la morosa al fianco
Pieni de bon umor,
sentadi là s'un banco
se ciacola d'amor...

Casa Nostra

venerdì 06 Maggio 2022 10:57:54

Scarica

Titolo:

CASA NOSTRA di Giovanini - Piccoli

Interprete: Valter Milavec (3:01)

Testo:

Che luna limpida, che note ciara

Lisetta merita cior la chitara

e insieme meterse dentro un batel

per poi cantarsela tra mar e ciel.

Vien qua mia cocola, vien a posarte

vien col tuo Giacomo a ninolarte

no xe pericoli xe quieto el mar

el fresco andemose cara a gustar.

 

Varda sta palida luce argentina

che va rifleterse sula marina

le mile lampade dela cità

le grote ripide che drio ghe sta.

Varda quel seguito de monte in monte

fin che i va perderse a l’orizonte

sora i più picoli come un tutor

stando el magnifico Monte Maior.

Fiume adorabile perla graziosa

del mar liburnico regina e sposa

esprimo el palpito che m’arde el sen

col dirte in musica te voio ben.

Indeficienter

venerdì 06 Maggio 2022 10:55:11

Scarica

Titolo:

INDEFICIENTER di V. Pincherle -  M.  Schiavuzzi

Interprete: Bruno Nacinovich (2:48)

Testo:

Da tanto tempo - là sula tore
Ghe stava el stemma - de la cità,
Ma un bruto giorno - non se sa come,
Via dela tore - el xe svolà!
Qualchedun dise - che certi Siori
De far un tanto - lo ga obligà.
Altri poi dise - che l'era vecio
E presto in tochi - sarìa andà
E che in museo - el dorme in paxe
El suo riposo - ben merità,
Che sula zima - de quela tore
L'indeficienter - mai più sarà!
Ve garantisco - care putele
Tanta malora -poi non sarà,
Non steghe creder - xe tutte flocce
L'aquila nostra - ritornerà!                                                                          
Non più de fero - ma d'alluminio
Cambiadi i tempi - gusto cambià!
Oggi un governo - doman un altro,
Per questo el mondo - non finirà.
De tanto tempo là sula torre
Covava el sogno dela zità
Fin che un bel giorno nova e luzente
L’aquila nostra ne xe tornà.

Le belle Sartorelle fiumane

venerdì 06 Maggio 2022 10:36:45

Scarica

Titolo:

LE BELLE SARTORELLE FIUMANE di Baldini - de Zaitz

Interprete: Valter Milavec (3:03)

Testo:

Quando che vado in Corso
No so dove guardar:
Ghe xe quei bei visetti
Che me fa bazilar.                                                                                         

Belle le xe e modeste
Tutti le sta a guardar,
ed elle serie, serie
le va senza badar.

Le xe gentili e care,
Le guarda el proprio onor                                                                        
Ghe piasi  far figura
Coi frutti de lavor.  

Le nostre sartorelle
Finìo de lavorar
Le gira un poco in Corso
Il fresco a respirar.                                                                                                    

Viva le sartorelle,
Fiori del nostro mar,
Tutti per loro spasima
Nessun le pol toccar.

Le xe gentili e care,
Le guarda el proprio onor                                                                        
Ghe piasi  far figura
Coi frutti de lavor.  

Dime Rita

giovedì 05 Maggio 2022 14:47:55

Scarica

Titolo:

DIME RITA di A. Riccotti - A. La Guardi

Interprete: Alida Delcaro (3:27)

Testo:

Quando argento zo piove la luna
sora i tremuli flutti del mar,
e che tutta de stele la bruna
quieta note se vede brilar.

Dime Rita, no xe una beleza
el Quarnero e un amor, un incanto,
che te sveia nel seno un'ebrezza
che dal cor te fa scioglier un canto?

Cantime Rita, cantime bela,
nela soave, dolce favella
che xe l'orgoglio de ogni Fiuman,
cantime Rita in Italian !

Quando soto el soriso del cielo
che l'inverno non riva imbronciar,
se distende un bel candido velo
zo dai monti a la riva del mar.

Dime Rita, no xe una beleza
el Quarnero e un amor, un incanto,
che te sveia nel seno un'ebrezza
che dal cor te fa scioglier un canto?

Cantime Rita, cantime bela,
nela soave, dolce favella
che xe l'orgoglio de ogni Fiuman,
cantime Rita in Italian !

El Prodoto del grande missioto

lunedì 02 Maggio 2022 18:16:21

Scarica

Titolo:

EL PRODOTO DEL GRANDE MISSIOTO di E. Nacinovich – B. Nacinovich

Interpreti: Erika Jurišević, Sara Marsanich, Alba Nacinovich (3:05)

Testo:

Mi presento sono la lingua.

Me presento son el dialeto.

E mi invece son el prodoto

del loro grande missioto.

Vado a scuola, sono importante.

Giogo in cortil, rido per niente.

Mi non so proprio a chi darghe ragion

me sento il re dela confusion.

Ma quando poi c'è da mangiare

la smettiamo di litigare

sian spaghetti oppure jota,

gnocchi al goulash, verdura cotta

e se andiamo al ristorante

all’aperto tra le piante

anche čevapćici ne va ben

e cobasizze con el kren.

Sono bella ed elegante.

E mi son s'ceto e anca pimpante.

Ma se dovete far: sei per tre

l’imparerete proprio come me.

Leggo il giornale, sono al corrente.

Mi invece ciacolo con la gente.

Io mi confondo tra questo e quella

Parlo in cichera e casco in scodela.

Ma quando poi c'è da mangiare

la smettiamo di litigare

sian spaghetti oppure jota,

gnocchi al goulash, verdura cotta

e se andiamo al ristorante

all’aperto tra le piante

anche čevapćici ne va ben

e cobasìze con el kren.