FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia! Che venti! Che tremendo remitur! Qua sora la Tore ne suffia un vento che ‘riva drito da el Nord-Est de la Europa. Me se ga s’drizzà le piume. Sento brividiiii, brividiiii, brividiiii, come che canta quei due fioi che ga vinto ‘sto ano Sanremo.
RIRI: Xe la bora, tocco de luganiga amufida co’ le piume dispetinade! Bora: i disi che tre giorni la suffia e po’ semo fora.
FIFI: Ja, ma xe passa molto più de tre giorni e no’ la finissi, anzi la sbate le porte, la suffia più forte. Qua svola tavole e sedie, e insieme co’ le rafiche, ‘riva drio anche zerti tochi de metal, che i par come tochi de qualche proietile de artiglieria pesante.
RIRI: Jesus i Mria, alora no’ xe solo la bora, alora gavevo capido ben cossa che i tambascava a la radio che i scolta zo in ‘tei bar del Corso: xe venti de guera, mia cara! Tremendi e i cussì forti de farne tremar le vene e i polsi.
FIFI: Ma cossa dopo le disgazie de la pandemia che ne ga ciapado a tuti quanti, dopo tuto el bruto che sucede in Siria, in Afganistan, e emergenza profughi che no’ finissi, e cazzi e mazzi vari (la Fifi, in certi momenti la se dismentiga de dover esser fineta), cossa de novo in Europa ne toca veder la guera?
RIRI: Xe el zar de la Russia, e tovariš Putin, che la indipendenza de la Ucraina no’ la ghe xe mai andada zo. Vara, mi son usel e son più brava parlar monade che tambascar de geopolitica, ma xe ani, che, pian pianin, sto qua el ciol un tocheto de teritorio de la Ucraina e, po’, el organiza una votazion che la spuzza a chilometri de imbroio, in un altro teritorio.
FIFI: Vedi la Crimea.
RIRI: Che el se la ga ciolta bel pulito. E noi quela volta gavemo deto qualcossa?
FIFI: No.
RIRI: Appunto. E po’ cioldi un novo tochetin ogi e un altro tochetin domani, el xe andado avanti a sburtarse in t’el teritorio e, a un certo punto el ga pensà: „Dato che nissun già ani no’ me dise gnente, vado là e me la cioldo tuta, ‘sta Ucraina, tanto quei de fora no’ i se acorgerà o se i se acorgerà, i farà finta de no’ gaver visto. E po’ xe anche un modo utile de spender tute ‘ste armi che se produci.“ Cussì te ga pensà sto Putin. Subito d’acordo i produtori de armi, quei Russi e quei stranieri. „Qua „ i ga deto „ne se impinissi i magazini e dopo no’ saveremo più dove meter tuta ‘sta roba in giacenza. Producemo, producemo, ma bisognassi anche consumar, se ti vol che vadi avanti la economia de un Paese“.
FIFI: E cussì adesso in Ucraina se bombarda e sucedi de tuto e de più. E le armi che le stava in giacenza magazini le va via come el pan. E tutt’in tun la Europa, sempre indormenzada e temolante, la se ga inacorto che ‘sta Ucraina la xe anche parte de la Europa e che certe robe ghe podessi capitar anche ai Stati de la Unione prima de quel che se dise amen. E tutt’in’ t’un anche a Baiden ghe ga tocà far comenti …e tutti a concertar sanzioni.
RIRI: Sanzioni? Cossa i ghe gavessi sanzionado?
FIFI: I ga pensà de taiar fora da el mercato internazional le banche russe, de taiarghe i soldi ai oligarchi russi e ai parlamentari de la Duma…
RIRI: E po’?
FIFI: E po’ gnente de più.
RIRI: A Putin che ga proprietà e soldi per el mondo come pochi altri, cossa i ghe ga taiado?
FIFI: Un klinz!
FIFI: Bel modo de snazionar.
RIRI: Eh sì, ti colpissi economicamente tutti, ma chi che dirigi le operazioni no’ ti lo colpissi.
RIRI: Mi digo solo che adesso tuti doveria esser più decisi, invece de spetar che le robe se complichi ancora de più, cercar de fermar, MA SUBITO ‘, ‘sto matio insime con chi che ‘sto matio lo ga creado, e esserghe vicin a la povera gente, a la popolazion civile che, come che sucede per ogni sporca guera, la ghe va sempre de meso.
FIFI: Ma mi e ti potemo tambascar de politica ma semo impotenti RIRI mia. Cossa pol far un usel a due teste piantado su la Tore de Fiume.
RIRI: Alzar la vose e zigar come aquile contro la guera, secondo mi xe già qualcossa. Xe sempre meio che far finta de gnente e girar la testa. Bon che le nostre teste le gavemo già girade verso Oriente e certe robe le rivemo forse anche sd’ociar meio, chissà?
FIFI: Scolta, a proposito de taiar teritori a tocheti, „mic po mic“ ti ga visto che scherzeto che ghe ga fato el Consiglio citadin al povero Riccardo Zanella?
RIRI: Go visto… che ghe vegnissi un brusco sul cul a chi che ga votado per limitar el spazio de la Piazza che Fiume che gaveva dedicado a Zanella. Me fa mal saver che fra quei che ga votado per ‘sta decision, ghe se stada anche la rappresentante de i italiani de Fiume che senta in Consiglio comunal. Ma cossa i se ga dismentigà che Zanella, che xe sta’ presidente del Stato Libero de Fiume, el xe sta’ el primo politico a dover andar in esilio a causa del putsch che ghe ga fato i fascisti vegnudi da Trieste al Stato Libero de Fiume?
FIFI: Zanella xe ‘sta una de le prime vitime de el fascismo de la storia, e a Fiume ghe se taia el perimetro de la Piazza a lui dedicada.
RIRI: Invece de ricordarlo con onor, de festegiarlo, visto che xe passà giusto giusto 100 ani da ‘sto episodio, lori i ghe fato propio bel regalo per ‘sto cenentesimo anniversiario.
RIRI: Ti te ricordi Fifi che a l’epoca che i ghe gaveva intitolado Piazza, adesso piazeta, ghe gavevimo composto una canzon e ghe la gavevimo anche cantada?
RIRI: Me ricordo. E adesso ghe la ricantemo, per dispeto e con un bich de nostalgia, perché xe sempre triste veder quando che una cità ga la memoria storica curta. E ‘sta volta ghe la cantemo anche in croato…

LA CANZON DE RICARDO ZANELLA
(Canta Fifi & RiRI)
Ghe son tornà,
ma chi se lo spetava
co ‘l vento che suffiava
aria de scovazon!

Ghe son tornà
che Fiume me mancava
de pianser me vegniva
ma chi se lo saria
spetado, amica mia
gnanche la polizia
né la cavaleria
nissun proprio nissun!

Ghe son tornà
a Fiume amica mia
no’ xe una fantasia
al sindaco Zanella
na’ piazza più che bela
Fiume ga dedicà.

Chi no’ vol saver, no ‘studia, no’ conossi
chi no’ me riconossi,
no’ vol capir sicuro
che a mi solo una Fiume
rica zità splendente
che fussi indipendente
me iera ne la mente
che solo e solo quel.
Né aria de destra, né aria de sinistra
volevo respirar,
ma aria de libertà.

‘Desso lassemo che passi la tempesta
che quei no’ capissi, no’ studia, no’ conossi
co’ ‘sta aria ultranazionalista
e poco de sinistra
aria de scovazon,
se sfoghi coi spadoni, i sprechi paroloni,
che i spudi, che i bestemi
mi odio per nissun, mai no’ go dimostrà.

Ghe son tornà
a Fiume amica mia
no’ se una fantasia
proprio a Riccardo, proprio a mi Zanella
una piazza i ga dedicà.

Vedi Tutti